Fisioterapia

Fisiatria

Visita Fisiatrtica

Visita Fisiatrica

La visita fisiatrica rappresenta un momento fondamentale nel percorso diagnostico e terapeutico di pazienti affetti da disturbi a carico dell’apparato muscolo-scheletrico. L’obiettivo di questa valutazione specialistica è quello di identificare la causa del problema, stimare l’entità del danno e definire un piano di trattamento riabilitativo personalizzato.

Anamnesi e colloquio

La visita fisiatrica inizia con un’anamnesi accurata, durante la quale il medico raccoglie informazioni relative a:

  • Storia dei sintomi: quando sono comparsi, come si sono evoluti nel tempo, quali sono le loro caratteristiche (intensità, frequenza, durata).
  • Storia clinica: eventuali patologie pregresse, interventi chirurgici, traumi, abitudini di vita (attività fisica, postura lavorativa).
  • Esami diagnostici: referti di radiografie, risonanze magnetiche, elettromiografie, TAC e altri test eventualmente già eseguiti.

 

Esame obiettivo

Dopo il colloquio, il fisiatra procede con l’esame obiettivo, che consiste in una valutazione dettagliata di:

  • Mobilità articolare: il medico verifica l’ampiezza dei movimenti di ciascuna articolazione.
  • Forza muscolare: viene testata la forza dei muscoli interessati.
  • Sensibilità: si valuta la capacità di percepire stimoli tattili, dolorifici e termici.
  • Postura: si analizza la posizione del corpo in piedi, seduto e durante il movimento.
  • Esami speciali: a seconda del caso, il fisiatra può eseguire test specifici per valutare la funzionalità del sistema nervoso, l’equilibrio e la coordinazione.

Diagnosi e piano di trattamento

In base alle informazioni raccolte durante l’anamnesi e l’esame obiettivo, il fisiatra è in grado di formulare una diagnosi accurata e di delineare un piano di trattamento riabilitativo personalizzato. Il piano di trattamento può includere:

  • Fisioterapia: esercizi terapeutici per migliorare la mobilità, la forza muscolare e la propriocezione.
  • Terapia manuale: tecniche specifiche per ridurre il dolore e migliorare la funzionalità articolare.
  • Tecarterapia: una terapia fisica che utilizza radiofrequenze per favorire la rigenerazione dei tessuti.
  • Idrokinesiterapia: esercizi terapeutici in acqua, che sfruttano le proprietà benefiche dell’acqua per ridurre il dolore e migliorare la mobilità.
  • Terapia del dolore:utilizzo di farmaci, infiltrazioni o altre tecniche per alleviare il dolore.

 

Collaborazione con altri specialisti

Il fisiatra può collaborare con altri professionisti sanitari, come fisioterapisti, reumatologi, geriatri, pediatri e neurologi, al fine di garantire una gestione completa e integrata del paziente.

La visita fisiatrica rappresenta un passaggio fondamentale per la cura di diverse patologie a carico dell’apparato muscolo-scheletrico. Grazie a questa valutazione specialistica, è possibile ottenere una diagnosi precisa e ricevere un trattamento riabilitativo personalizzato, che permetta di recuperare la funzionalità e la qualità di vita del paziente.